Abu Dhabi: Guido Cappellini e Giampaolo Montavoci quinti nella prima delle due gare

//Abu Dhabi: Guido Cappellini e Giampaolo Montavoci quinti nella prima delle due gare

Abu Dhabi: Guido Cappellini e Giampaolo Montavoci quinti nella prima delle due gare

Guido Cappellini e Giampaolo Montavoci portano il loro scafo Poliform 74 fino al quinto posto
nella prima delle due gare di Abu Dhabi. Il penultimo appuntamento della stagione Class-1 parte
con condizioni di mare calmo, una situazione buona per il team Poliform che dopo le modifiche di
metà stagione ha uno scafo performante ed adatto a gare veloci e con poca onda. A riprova di
ciò, un favoloso secondo tempo nelle qualifiche ufficiali, a soli 2 secondi dai leader del
campionato di Victory Team. Oggi parte una gara concitata, con i team mediorientali e Fendi
Racing (tutti con catamarani di costruzione Victory) che si portano in vantaggio. Per Poliform,
ancora un problema meccanico che ha costretto il team a sostituire un motore all’ultimo minuto
con un propulsore non a punto. Con la potenza massima decisamente ridotta rispetto allo
standard, si è trattato di dare il massimo possibile e controllare gli attacchi del team norvegese
Zabo Racing, oggi molto competitivo. Alla fine, un quinto posto che dà al team sette punti ma
soprattutto la conferma che senza i problemi di affidabilità la stagione avrebbe preso tutt’altra
piega.

“Quando il nostro scafo è rientrato in Europa, abbiamo fatto importanti modifiche per migliorare
l’assetto su mare piatto e risolvere i problemi di elettronica. Abbiamo trovato la velocità, ma la
sfortuna ci ha fermato ancora con alcuni guasti meccanici sia a Cernobbio che a Dubai. Questo ci
ha impedito di intervenire sui dettagli, quelli che ti fanno guadagnare gli ultimi nodi di velocità.
Poi, subito prima di questa gara, l’ennesima delusione: abbiamo dovuto cambiare un motore e
quello che abbiamo usato girava 400 giri sotto al massimo. Questo ci ha tolto ben 80 cavalli,
senza i quali non potevamo competere con i più veloci. Ma il secondo posto in qualifica ieri ed il
buon comportamento dello scafo in gara ci confermano che ci siamo. Ormai la stagione 2012 è
andata così, ma abbiamo intrapreso la strada giusta per tornare ai massimi livelli. Siamo un team
da podio, siamo da vittoria come a Cernobbio 2011, e siamo gli unici che con motori V8 e scafo di
costruzione italiana (Tencara, n.d.r.) possiamo dare filo da torcere ai team mediorientali. Il 2013 ci
aspetta”.

By | 2012-12-20T23:45:57+00:00 dicembre 20th, 2012|Sport|0 Comments