Per le grandi mostre a Como, il 25 Marzo alle 18.30 a Villa Olmo, verrà inaugurata la mostra ” Boldini e la belle epoque “ che permetterà al pubblico di ammirare ben 100 capolavori di Giovanni Boldini e di artisti legati alla belle epoque. Nato a Ferrara, Giovanni Boldini, lascia la sua città nel 1864 per Firenze, quindi per Londra ed infine per Parigi, dove viene celebrato come una vera e propria star, capace di creare meravigliosi ritratti delle personalità più importanti dell’epoca. Ma la sua popolarità non si ferma qui e giunge sino in America, facendolo diventare un punto di riferimento per tanti artisti. La mostra di Villa Olmo, presenterà anche capolavori di altri straordinari artisti italiani, da Giuseppe De Nittis, sublime interprete di un’eleganza raffinata e metropolitana, a Federico Zandomeneghi, le cui tensioni introspettive sono vicine all’impressionismo francese, a Vittorio Corcos, che porta sulla tela il magnetismo senza tempo dell’universo femminile.
Il costo del biglietto sarà di 10 euro e di 5 euro gli studenti.
La mostra resterà aperta aperta fino al 24 luglio.

 

[mappress mapid=”16″]

Post correlati

4 Risposte

  1. Veronica

    L’istrionico assessore Sergio Gaddi e Tiziano Panconi, il più grande esperto al mondo di Boldini, sono l’accoppiata vincente che darà vita a questa ennesima importante mostra a Como.
    Si respira aria di primavera nelle sale di Villa Olmo che saranno aperte per ospitare le grandi tele di Giovanni Boldini e degli altri artisti della Belle Epoque.
    Leggendo gli articoli sui quotidiani locali riferiti all’iniziativa Boldini, ci si rende conto come Boldini ci faccia uscire dalla provincialità proiettando Como nel panorama internazionale.

    Rispondi
    • Franco

      Istrionico? Questa è la quinta mostra (in Italia) dedicata a Boldini negli ultimi due anni. Pensate veramente che possa aggiungere qualcosa all’artista? Se sommate le manie di protagonismo dei due curatori ai quadri di terza categoria (messi in mostra x essere venduti da uno dei due) che andranno a fare da contorno alle poche (o pochissime) tele di qualità già viste e straviste, ne otterete l’ennesima conferma che Como a meglio non può (x ora) ambire. Buona visita!

      Rispondi
  2. Sandro

    Le vere mostre di Boldini degli ultimi anni sono state 3: Padova. Palazzo Zabarella; Ferrara, Palazzo dei Diamanti; Roma, Chiostro del Bramante.
    Gli altri tentativi mal riusciti di esposizioni dedicate (solo nominalmente) a Boldini sono state solo operazioni maldestramente organizzate
    col solo scopo di fare cassetta e di vendere alcune delle opere in mostra. Questo tentativo di Como si tratta di una ennesima presa in giro per i collezionisti ed i visitatori.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata