Viene ospitato all’interno di palazzo Olginati, edificio risalente al XV secolo, il Museo Storico Giuseppe Garibaldi di Como. Il palazzo prende il nome dai suoi ultimi proprietari, di questi, Luigi Olginati, membro della Commissione Municipale per la formazione e conservazione del Civico Museo, commissionò nel 1853 i lavori di ristrutturazione che gli hanno dato un aspetto, sobriamente elegante all’esterno e riccamente decorato all’interno conservato sino ad oggi.
L’ultima discendente della famiglia Olginati, Carlotta, donò il palazzo, assieme agli arredi e le suppellettili al Comune di Como con la condizione che vi fosse allestito “un museo da intitolarsi a Giuseppe Garibaldi in memoria del soggiorno che il Generale vi fece” nel 1866.
L’inaugurazione del museo avvenne alla presenza del generale Ezio Garibaldi, nipote dell’eroe, nel 1932 . Qualche anno dopo venne unito al Palazzo Giovio con due passaggi coperti, creando un  percorso espositivo unico con il Museo Archeologico.
Nel 1932 le raccolte risorgimentali, precedentemente collocate nei locali del Liceo Volta furono trasportate da palazzo Giovio a palazzo Olginati, e diedero vita al nuovo Museo Storico, allestito nelle sale del piano nobile.
A partire dagli anni sessanta si realizzò quella che rimane l’attuale organizzazione espositiva nelle due sezioni Risorgimento e Storia contemporanea ed Etnografia e Quadreria.

Piazza medaglie d’Oro, 1
22100 Como
Tel. 031 271343
E-mail:  musei.civic@comune.como.it

[mappress mapid=”12″]

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata