Padre Giuseppe Ambrosoli: due messe in suo ricordo

//Padre Giuseppe Ambrosoli: due messe in suo ricordo

Padre Giuseppe Ambrosoli: due messe in suo ricordo

In occasione del trentesimo anniversario della morte di Padre Giuseppe Ambrosoli si terranno due messe: la prima alla Chiesa di Ronago sabato 1 aprile alle ore 17.00 e domenica 2 aprile presso la Chiesa di Uggiate Trevano alle ore 10.30.

Entrambe le celebrazioni saranno  presiedute da Padre Egidio Tocalli, medico e missionario comboniano, succeduto a padre Giuseppe alla guida dell’Ospedale.

Chi è Padre Giuseppe Ambrosoli

Nato nel 1923, dopo una laurea in medicina e chirurgia a Milano e la specializzazione a Londra in malattie tropicali, padre Giuseppe Ambrosoli entra nell’ordine dei comboniani con il sogno di partire per l’Africa e dedicare la propria esistenza ai più poveri. Nel 1955 si reca a Kalongo nel nord dell’Uganda per gestire un piccolo dispensario locale.

“Salvare l’Africa con gli Africani”: nel 1959 Padre Giuseppe fonda una scuola specialistica di ostetricia nella convinzione che la formazione qualificata sia la strada maestra per l’autonomia delle future generazioni.

Nel 1987 la guerra civile che flagella il nord Uganda porta all’evacuazione forzata dell’ospedale per ordine militare. Padre Giuseppe, provato dalla fatica e dalla sofferenza, muore a Lira il 27 marzo nel 1987. Nel 1989 l’ospedale di Kalongo viene riaperto dal medico comboniano p. Egidio Tocalli e intitolato al suo fondatore: nasce il Dr. Ambrosoli Memorial Hospital. Dopo la sua morte è stata avviata la causa di beatificazione: Il 17 dicembre 2015, Papa Francesco in udienza privata ha autorizzato la pubblicazione del decreto sulle “virtù eroiche del servo di Dio, Giuseppe Ambrosoli,…” che è dichiarato quindi “venerabile” dalla Chiesa di Roma. Il pronunciamento del Papa arriva esattamente a 60 anni dall’ordinazione di padre Giuseppe, che avvenne per mano dell’allora Arcivescovo mons. Montini, il 17 dicembre 1955. 

 

Il Dr. Ambrosoli Memorial Hospital è situato a Kalongo in nord Uganda, una zona rurale teatro di una sanguinosa di guerra civile e che oggi sta cercando di rinascere e ritornare alla normalità. L’Ospedale oggi serve una popolazione di circa 500.000 persone che vivono sotto la soglia della povertà e fornisce assistenza a circa 50.000 pazienti l’anno. E’ dotato di 271 posti letto e conta oggi 5 reparti: Chirurgia, Maternità e Ginecologia, Pediatria e Malnutrizione, Medicina Generale, TBC. È dotato di un poliambulatorio per pazienti esterni, un laboratorio di analisi e radiologia e due sale operatorie. L’Ospedale ospita inoltre un ambulatorio pre e post natale, un ambulatorio pediatrico per le vaccinazioni e il monitoraggio della crescita, l’ambulatorio HIV/AIDS e ambulatori dedicati ad alcune specifiche patologie, tra cui la tbc.

Grazie all’attività medica svolta dall’Ospedale nel periodo 2015 -16, sono state effettuati:

– 22.274  ricoveri

– 28.883 visite ambulatoriali

– 19.654 vaccinazioni

– 15.759 cure per casi di Malaria

– 5.743 visite prenatali

– 3.465 parti

-1.790 interventi chirurgici

– 2.952 casi di pazienti HIV 

L’Ospedale e a la Scuola di Ostetricia sono sostenuti dalla Fondazione Dr. Ambrosoli Memorial Hospital, fondata nel 1998 viene dai Missionari Comboniani e della famiglia di Padre Giuseppe Ambrosoli, al fine di dare continuità e futuro all’attività medica e di formazione a favore della popolazione locale. La Fondazione sostiene:

– i costi di gestione corrente dell’ospedale, condizione imprescindibile per l’erogazione continuativa di adeguati servizi sanitari e di assistenza

– l’attività di formazione della scuola di ostetricia al fine di ridurre, attraverso servizi sanitari tempestivi alle donne in gravidanza, il problema della mortalità materno-infantile e contribuire al miglioramento della condizione femminile

– la formazione manageriale, sanitaria e tecnico-logistica del personale.

 

Per informazioni: www.fondazioneambrosoli.it

By | 2017-03-27T21:53:47+00:00 marzo 27th, 2017|News|0 Comments