“Com’è viva la città – Art & the City 1913 – 2014” ha chiuso ieri sera alle 22 con una giornata di finissage ricca di eventi e di proposte culturali che hanno portato a Villa Olmo i visitatori sin dal momento dell’apertura delle porte, la mattina alle 10.

In totale sono state 20.125 le persone che hanno visitato il percorso espositivo in occasione dell’inaugurazione e nel periodo di apertura della mostra apprezzando l’opportunità di vedere opere raramente esposte, perché per l’80% provenienti da collezioni private: pezzi importantissimi di cui alcuni meno noti, tutti di grande qualità.

L’assessore alla Cultura del Comune di Como, Luigi Cavadini: <Con l’edizione 2015 della Mostra raccogliamo un buon risultato, di cui sono sicuramente soddisfatto. L’autunno ha visto un crescendo di pubblico. Positivo il riscontro delle visite scolastiche, ma anche gli ingressi dei singoli in forte aumento nella fase finale. Sono molto soddisfatto della mostra e della ricaduta culturale che ha avuto sulla città: il messaggio è stato recepito a diverso livello sia dai giovani che dagli adulti. Gli studenti hanno potuto seguire interessanti offerte culturali, costruite ad hoc per loro e per le diverse età. Molto positivo anche il seguito che hanno avuto i 32 eventi collaterali proposti in villa>.

Buono anche il flusso di persone che si sono recate a Villa Olmo durante l’ultima giornata di apertura della mostra.

Più di mille hanno assistito alle performance e ai laboratori proposti nel weekend.

Circa un centinaio  di persone poi hanno voluto assistere all’ultima visita guidata, condotta da assessore Luigi Cavadini e curatore di Giacinto Di Pietrantonio. 

salvaneschi-dipietrantonio-cavadini

Post correlati

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata