Dongo: beach volley con la Border Cup

18
TOP AD

Il Lido di Dongo (Como) ha ospitato domenica su due campi affacciati direttamente sul lago, l’edizione 2015 della Border Cup valida come prova unica per l’assegnazione del titolo provinciale di Beach Volley 2 contro 2, specialità olimpica di quest’anno. L’evento si è svolto col patrocinio del Comitato provinciale Fipav di Sondrio per la categoria Open maschile e femminile.

Una bella cornice di pubblico e il cielo terso hanno fatto da corollario ai sessanta incontri disputati sui campi allestiti di tutto punto dalla Pallavolo Altolario.

Ai nastri di partenza 18 coppie maschili e altrettante femminili provenienti dalla Valtellina, Altolario, Lecchese, Comasco oltre che una nutrita partecipazione dal Milanese. Coppie di grande spessore quelle meneghine, visto che hanno occupato ben cinque posti sugli otto delle semifinali.

Sia il torneo maschile sia quello femminile ha previsto fasi eliminatorie a passaggio diretto e successivi ottavi, quarti, semifinali e finali

Nel maschile ha prevalso con un perentorio 2-0 (18-11, 18-12) la coppia composta da Massimo Dubaz e Stefano di Luca, milanesi, che in finale si sono imposti sui comaschi Nico Poncia e Valerio Merlo, campioni uscenti, dopo aver estromesso nelle semifinali i lecchesi Mazzoleni e Rusconi.

Poncia e Merlo erano invece arrivati in finale dopo aver battuto nel turno precedente i forti milanesi Gaetano Cro e Andrea Agamennone.

Massimo Dubaz, classe ’80, nella vita liutaio oltre che maestro di beach volley per passione, si è anche aggiudicato il titolo di MVP categoria uomini. Stefano De Luca, l’altro componente della coppia, milanese di adozione ma nativo di Fondi (Latina) classe ’85 è un talento rubato alla scherma. Nei suoi trascorsi risulta infatti anche un 3° posto assoluto nella coppa del mondo di spada nell’anno 2004.

Anche il torneo femminile ha visto il dominio di una coppia milanese, ovvero Zeudi Mazzotta e Giulia Piccoli. In finale hanno prevalso con un secco 2-0 (18-16, 18-9) sulla coppia Patrizia Origoni e Valentina Danielli che, analogamente agli uomini, erano le campionesse uscenti.

Semifinali spettacolari nelle quale tutte le atlete hanno dato sfoggio di performances notevoli. Al termine della prima, ha prevalso la coppia Comasca, che ha eliminato contro l’ottima coppia milanese Alice Mazzetto ed Alice Mauri. Incontro caratterizzato da un notevole equilibrio e durante il quale, sul punteggio di 21 pari, si è visto uno scambio incredibile per numero palle giocate e difese: ben 51 tocchi consecutivi. Nell’altra semifinale le neo campionesse hanno estromesso l’unica formazione valtellinese ancora in corsa formata da Paola Capitani e Patrizia Cariboni, molto brave ma penalizzate dallo scarso affiatamento e anche dal precario stato di forma di Cariboni, rientrante in attività dopo lo stop di quasi due anni per infortunio, che alla lunga ha pagatolo scotto del poco allenamento nelle gambe.

Anche il titolo di MVP donne è andato alla milanese Giulia Piccoli, classe ’90, di Bresso (Milano), che ha disputato nella stagione indoor 2014/2015 il campionato di serie C con il ruolo di banda, nelle file della Pallavolo Senago.

L’altra componente della squadra, Zeudi Mazzotta, nativa di Trepuzzi (Lecce) ma milanese di adozione, classe ’87, nella scora stagione ha militato nelle file della Pro Patria Milano disputando il campionato di B2 con il ruolo di libero.

Una menzione speciale a tutti gli arbitri federali che hanno dato il loro importante contributo alla buona riuscita dell’evento e un grande applauso a tutte le squadre che hanno partecipato con grande sportività.

Ma non finisce qui. Prossimo appuntamento a Dongo presso i campi di gioco del Lido Comunale, con un torneo 3×3 misto giunto alla sua 6^ edizione che si disputerà il prossimo 2 agosto.

dongo-beach-volley-2015

INLINE AD