Rally Aci Como 2016 edizione numero XXXV

61
TOP AD

Il 35° Rally Trofeo Aci Como, si disputerà il 21 e 22 ottobre 2016. La competizione, decisiva per il Campionato Italiano WRC, vanta coefficiente 1,5 e si disputerà per un totale di otto prove su un percorso di 109 km. La manifestazione comprende tre eventi: il Rally Nazionale, la Parata Storica e la Michelin Rally Cup.

Il Campionato Italiano WRC seguirà l’intero tracciato di otto prove cronometrate: dal Triangolo Lariano alla Val d’Intelvi per il gran finale con la lunga prova della Val Cavargna; il 3° Rally nazionale Aci Como verrà disputato su un  tracciato meno impegnativo ma pur sempre emozionante (6 prove, 65 km.); in coda alla manifestazione ci sarà la 3a Parata Aci Como Storico che intende celebrare nascita ed evoluzione dell’automobilismo sportivo in chiave regolaristica. Vi parteciperanno un massimo di 40 autostoriche costruite entro il 1989 o successivamente, ma corrispondenti a modelli in produzione nel 1989.
Le iscrizioni si sono aperte giovedì 20 settembre e si chiuderanno lunedì 17 ottobre 2016, le ricognizioni sono previste giovedì 20 ottobre (ore 9-19), le verifiche a Como giovedì (19.30-22) e venerdì (ore 7.30-10). Lo shakedown si effettua venerdì 21 ottobre (ore 9.30 alle 13.30), lungo la salita da Como verso S. Fermo della Battaglia.
Nella giornata di venerdì si disputeranno quattro prove nel Triangolo Lariano con epicentro Bellagio, mentre sabato due le prove ripetute tra Val d’Intelvi e Val Cavargna. Venerdì si percorrono dunque quattro prove, sabato altre quattro. Le otto speciali misurano 109,04 km. su un percorso di 407 km, oltre il 27 per cento di prove speciali rispetto all’intero percorso. Novità eclatante è certamente l’inversione delle due prove iniziali del venerdì, mai disputate così a Como: sia la prova n.1 e 3, la salita da Nesso a Veleso-Zelbio (km.4,700) in salita, sia la prova n.2-4 perlopiù in discesa Magreglio-bivio Pian Rancio-Bellagio (km.11,240) costituiscono novità assolute e motivo di grande incertezza agonistica. La prima è ideale per testare le vetture in situazioni di espressioni di potenza del motore, la seconda fa emergere il talento dei piloti e richiede il miglior bilanciamento delle vetture in discesa, con tratti rapidi seguiti da tornanti.

Sarà ancora il “salotto” di Piazza Cavour a Como ad ospitare partenza ed arrivo: venerdì, ore 15, le vetture scenderanno dal palco mentre faranno ritorno per arrivo e premiazione sabato, ore 17. Confermata la conferenza stampa di fine gara, alle ore 17.40, al Palace Hotel. Dopo la prima tappa i concorrenti torneranno a Como raggiungere il riordino al Driver Indoor Park di Via Paoli a Como. Confermati parco assistenza e riordino a Porlezza.

Quest’anno a correre sulle strade lariane ci saranno anche tre equipaggi dalla Turchia della scuderia Frill Motor di Istanbul: si tratta di Burak Cukurova con Vedat Bostanci (Peugeot 208 R5), Serpil Pak con Ugurtan Unal (Peugeot 208 R2) e Daghan Unludogan con Aras Dincer (Renault Clio Super 1600).

Tra gli elementi di eccellenza che gli osservatori della federazione Aci Sport hanno sempre segnalato nei loro verbali ispettivi a Como uno è ricorrente: riguarda lo sforzo organizzativo a favore della SICUREZZA lungo il percorso. Il Comitato organizzatore, presieduto dall’avvocato Enrico Gelpi, da anni investe notevoli quote a favore della prevenzione e del pronto intervento in caso d’urgenza. Grande l’impegno in fase preparatoria del vice presidente dell’Aci Como, Paolo Brenna nel contatto con Enti locali ed Autorità. L’attuazione del piano di sicurezza è ad opera della direzione gara, coordinata dall’esperto Roberto Ledda (direttore di gara a Como dal ’98), con al fianco Alfredo Delleani, Cinzia Bosino, Gianfranco Reduzzi, Simona Vanoncini, Stefano Barbano, Adriano Tomasoni ecc. Sono ben 450 le presenze dei commissari di percorso lungo l’arco dei tre giorni (265 diversi) lungo il percorso tra shakedown e prove speciali: provengono dai gruppi ufficiali di gara degli Aci Como, Lecco, Varese, Sanremo, Savona , Aosta, Bologna, Sondrio, Bergamo, Soresina, VCO, Novara, Pavia, Torino. I capiprova sono quattro: Serafino Manzoni (Nesso), Gianni Sparapan (Ghisallo), Gianni Pedersoli (Shakedown e Alpe Grande), Jacopo Pedersoli (Val Cavargna). Altri responsabili postazioni sono: Fabiano Savini (partenza/arrivo), Angelo Galli (riordino), Marco Crespi (parco assistenza e riordino a Porlezza), Alessio Monciarini (rifornimento a Como). I mezzi di pronto intervento per la decarcerazione REXT sono 6, con 12 tecnici, 12 medici, 14 ambulanze CMR (centri mobili rianimazione), 12 carri attrezzi. Ospedali allertati di Como, Menaggio ed Erba. Le ambulanze sono della Croce Azzurra di Rovellasca (Como). I radioamatori schierati in campo (con numeri ponti radio montani) sono 20, del Gruppo ARI di Como. I cronometristi sono ben 50, tutti della Federazione italiana Cronometristi.

Anche quest’anno, c’è la possibilità di scaricare gratuitamente l’App “RallydiComo”, applicazione per smartphone e tablet (sia Apple sia Android) che permette di seguire in diretta, da ogni luogo del mondo, ogni fase saliente dell’evento: dalle verifiche di Como ai tempi nelle prove speciali, ecc. Tutto ciò grazie allo staff dei tecnici Eipon.it, coordinati da Rudy Crapella e Francesca Moretti.
Inoltre è attivo il sito web ufficiale e una pagina facebook dedicata, con la possibilità di interagire dal campo gara alla sala stampa. INFO: www.rallydicomo.com – facebook/rallydicomo

rally-di-como-2016

INLINE AD